utensili-antichi-percussione-urto-lavorazione-marmo
24459
post-template-default,single,single-post,postid-24459,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive
2018-06-utensili-percussione-lavorazione-pietra (4)

Utensili antichi a percussione e ad urto per la lavorazione artigianale del marmo

Nella lavorazione tradizionale artigianale della pietra vengono usati antichi utensili a percussione. Servono per spaccare, ricavare blocchi, sbozzare, sgrossare e modellare la materia tramite una serie di colpi.
In passato funzionavano solo con la propulsione a mano, ora anche ad aria compressa, tramite un attacco per l’inserimento nel martello pneumatico. In questo modo lo scultore si affatica meno e può controllare e misurare la potenza d’urto.

2018-06-utensili-percussione-lavorazione-pietra (3)

 

La scelta dello strumento giusto è fondamentale per il risultato che si vuole ottenere

ed ottimizzare tempi e risorse.

 

La percussione

2018-06-utensili-percussione-lavorazione-pietra-scalpello-stretto

La percussione è il funzionamento di un utensile tramite colpi e può essere:

  • diretta: quando l’attrezzo colpisce direttamente la pietra, come ad esempio il piccone
  • indiretta: quando vengono usati contemporaneamente 2 attrezzi; un utensile batte su uno strumento da taglio che a sua volta va a colpire la pietra, come ad esempio il mazzuolo con lo scalpello.

 

Il tagliente

2018-06-utensili-percussione-

È la parte che colpisce direttamente la pietra e può essere di varie forme e dimensioni. La maggior parte sono in metallo, metallo duro o acciaio temperato. Il tagliente caratterizza in modo univoco l’utensile e lascia un segno specifico per fare lavorazioni differenti.

 

Principali utensili antichi a percussione usati ancora oggi

Piccone

Utensile leggero, abbastanza lungo e diritto e punta singola o doppia, usato per cavare blocchi di pietre. Generalmente le pietre tenere si aprono e suddividevano in masselli con pochi colpi di piccone.

Picchiarello

È simile ad un piccolo piccone, ha la testa cubica dotata di 2 punte contrapposte. A volte viene impugnato con entrambe le mani per sbalzare con potenza e precisione colpendo il materiale con le punte a 90°, la superficie rimane così costellata di piccoli colpi irregolari di diversa profondità.

Nel medioevo era usato per battere con la parte piatta su un attrezzo da taglio.

Mazza

Ha un peso di 5 kg circa e serve per far saltare grandi pezzi dal blocco o frantumare alcune parti. Ha generalmente il manico in legno e la testa in acciaio temperato. È usata battendo colpi singoli perpendicolari al piano, rivolgendo leggermente lo spigolo di battuta verso la parte da asportare.

Mazzuolo, mazzetta e martello

Servono per battere su strumenti da taglio. Hanno generalmente manico in legno e testa in legno, ferro o acciaio temperato. In base alla forma, alla dimensione e al peso vengono utilizzati per lavorazioni differenti anche se la scelta è spesso determinata dalla costituzione fisica dello scultore.

Martellina

2018-06-utensili-percussione-lavorazione-pietra-martellina

Martello particolare con due punte a taglio contrapposte e differenti tra loro, formate da una serie di piccoli e fitti denti piramidali o conici. È usata per colpire direttamente il materiale, soprattutto le superfici piane. Esegue una finitura detta martellinata, irregolare e variabile in base al tipo di tagliente.

Bocciarda

Martello dalla testa quadrata con denti regolari, ma di dimensione e numero variabili, che permettono di raggiungere risultati differenti. Si usa per frantumare la superficie in tante piccole schegge. Esegue una finitura detta bocciardata con un aspetto granuloso conosciuto come buccia d’arancia.

Cuneo

2018-06-utensili-percussione-lavorazione-pietra-cuneo

Attrezzo in legno o in metallo usato per spaccare. Il cuneo conficcato in una fessura, poi battuto con un mazzuolo, provoca una frattura.

Punciotti

Ferri grossi e tozzi, lunghi 12/15 cm circa, a forma di cuneo, con punte coniche o piramidali. Vengono conficcati in linea nei fori poi battuti contemporaneamente per spaccare i massi di roccia.

Subbia o punta

2018-06-utensili-percussione-lavorazione-pietra-subbia

È una barra in acciaio a punta, con sezione rotonda, quadrata o ottagonale, di diverse misure. Viene colpita con un mazzuolo. È l’attrezzo più facilmente controllabile, idoneo per sgrossare e sbozzare.

Ferrotondo

Scalpello a punta tonda usato per la sbozzatura grossolana, ma soprattutto per la lavorazione del granito.

Scapezzatore

2018-06-utensili-percussione-lavorazione-pietra-scapezzatore

È uno scalpello detto anche scapezzino o sghiandino, molto robusto e tozzo, a lama piatta con una lunghezza di 18 cm circa. Serve per asportare pezzi di media grandezza in modo impreciso. È usato per la sbozzatura, la lavorazione grossolana e la finitura volutamente grezza.

Gradina o gradino

2018-06-utensili-percussione-lavorazione-pietra-gradina

Utensile simile alla subbia, ma con la parte terminale cosparsa di punte, dette denti, adatto in particolare alla scultura del marmo. Tenuto obliquo e colpito con il martello, crea una prima levigatura con scanalature parallele più o meno fitte. Spesso è usato per asportare le protuberanze lasciate dalla subbia e dare una prima modellatura al massello.

Scalpello

2018-06-utensili-percussione-lavorazione-pietra-scalpello

Scalpello largo

È lo strumento più conosciuto e utilizzato. Può avere varie misure e forme di tagliente, anche se generalmente è piatto. Serve per asportare parti di materiale in forma di schegge ed eseguire operazioni di sgrossatura e scolpitura. La finitura grezza viene fatta con uno largo, la rifinitura invece con uno piatto affilato per lisciare al meglio la superficie. Può essere usato anche da solo o con un piccolo mazzuolo per ottenere una levigatura e rifinitura di precisione, con una lieve abrasione.
È in grado di produrre effetti di ombreggiature differenti in base all’angolo con cui viene impugnato e all’intensità con cui viene colpito.

2018-06-utensili-percussione-lavorazione-pietra (2)

Ogni scultore sceglie la forma e la dimensione che preferisce in base alla lavorazione da fare,

alla manualità, all’abilità, alla prestanza fisica e all’esperienza personale.

 

Unghietto

Scalpello a testa tonda, sottile ma robusto, usato per eseguire intagli stretti in profondità come il sottosquadro. Era usato già nel Medioevo per scavare le scanalature.

 

Ancora oggi noi usiamo alcuni di questi strumenti

per salvaguardare una tradizione che ha origini antiche.

 

Cerchiamo di conciliare i metodi del passato con quelli moderni.

 

Tra i vari strumenti manuali antichi ci sono anche gli strumenti abrasivi che servono invece per tagliare, forare, conferire profondità, levigare e lucidare attraverso un’azione ripetuta di sfregamento e attrito.
L’utensile viene scelto anche in base alla tecnica artistica da eseguire.

Abbiamo scritto questo articolo per offrirvi delle nozioni generali, senza valore contrattuale, sull’affascinante mondo del marmo. Per domande o curiosità potete compilare il modulo qui sotto; ogni commento sarà uno stimolo per confrontarci e continuare la ricerca per nuovi approfondimenti.

Nessun commento

Inserisci un commento
Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *