Utensili manuali antichi per la lavorazione artigianale dei lapidei | Arte2000
24395
post-template-default,single,single-post,postid-24395,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive
2018-05-utensili-manuali-antichi-lavorazione-pietra-03

Utensili manuali antichi per la lavorazione artigianale dei lapidei

Gli strumenti antichi vengono usati ancora oggi nella scultura e nella lavorazione tradizionale artigianale dei lapidei.
In passato erano in legno e in metallo e funzionavano solo con la propulsione manuale. Ora sono anche elettrici e pneumatici, in materiali speciali, come l’acciaio temperato e il metallo duro. Per evitare di affaticarsi e sprecare energie, è fondamentale scegliere lo strumento giusto in base all’operazione da fare e alla materia prima da lavorare.

Classificazione degli utensili in base all’operazione da fare

2018-05-utensili-manuali-antichi-lavorazione-pietra

In base alla lavorazione da fare, gli utensili sono classificati in due principali categorie:

  • UTENSILI A PERCUSSIONE o ad URTO: servono per spaccare, ricavare blocchi, sbozzare, sgrossare e modellare. Possono essere usati da soli per colpire direttamente la pietra, come il piccone, la mazza, il martello e la martellina, o assieme a strumenti da taglio, come lo scalpello, la subbia e la gradina. Alcune operazioni di levigatura e rifinitura di precisione vengono eseguite con strumenti da taglio usati da soli o con un piccolo e leggero mazzuolo
  • UTENSILI ABRASIVI: servono per tagliare, forare, scolpire, conferire profondità ed eseguire la finitura della superficie asportando materia prima attraverso lo sfregamento e attrito, come la sega, il trapano, la raspa e la lima

Scelta dell’utensile in base alla materia prima da lavorare

2018-05-utensili-manuali-antichi-lavorazione-pietra-02

 

Ogni materiale si presta a lavorazioni differenti che devono essere eseguite con tecniche e attrezzi diversi.
Al giorno d’oggi gli utensili sono di varie forme e differenti materiali. La scelta dipende dalla materia prima da lavorare:

  • su calcari teneri e arenarie: si usano attrezzi affilati e in acciaio temperato che a volte corrispondono a quelli utilizzati per la scultura del legno. La struttura cristallina dei marmi ad esempio richiede precisione ed esperienza nella lavorazione. Lo scalpello deve essere maneggiato con leggeri colpi e tenuto obliquo rispetto alla superficie da colpire per evitare fratture, spaccature e scheggiature incontrollate lungo le venature.
  • su porfidi e graniti: si usano attrezzi in metallo duro con una forma più arrotondata, ovvero con un angolo di affilatura più largo, per evitare che si appiattiscono al primo colpo. È necessario siano ben forgiati, resistenti, robusti e tenuti perpendicolari rispetto alla superficie da colpire. Ad esempio gli scalpelli sono a punta arrotondata e privi di denti perché salterebbero durante l’intaglio.

 

Classificazione della materia prima in base alla lavorabilità e alla lucidabilità

In base alle caratteristiche di lavorabilità e di lucidabilità, le pietre sono classificate in tre categorie principali:

  • ROCCE SEDIMENTARIE

2018-05-utensili-manuali-antichi-lavorazione-pietra-04

Pietre tenere come calcari teneri, arenarie, alabastro, sono:
– sono tenere
– hanno una compattezza piuttosto uniforme
– sono lavorabili in ogni direzione
– non permettono di raggiungere un alto livello di dettaglio
– non sono lucidabili

 

  • ROCCE METAMORFICHE2018-05-utensili-manuali-antichi-lavorazione-marmo-05Pietre con durezza media come ad esempio il marmo:
    – sono più dure rispetto alle pietre tenere
    – hanno una compattezza disomogenea: la presenza di venature e fessure visibili esternamente o solo interne richiede un’estrema attenzione e conoscenza
    – permettono di eseguire molteplici lavorazioni e la definizione dei particolari
    – sono lucidabili: permettono di eseguire lavorazioni a contrasto tra i vari stadi di lucidatura, politezza e lucentezza

 

  • ROCCE MAGMATICHE ENDOGENE

2018-05-utensili-manuali-antichi-lavorazione-porfido-06

Pietre dure come ad esempio il granito ed il porfido:
– sono materiali duri
– per la loro elevata solidità e resistenza agli urti, possono essere tagliati in blocchi di grandi dimensioni ed essere impiegati come elementi da costruzione
– sono lucidabili

 

È fondamentale conoscere bene la materia prima

per scegliere lo strumento più idoneo ad ogni tipo di lavorazione.

 

L’uso dello strumento giusto è fondamentale, ma la sensibilità dell’artista rimane determinante per la qualità del risultato.
Ndr

 

Noi continuiamo a studiare, testare e collaudare l’uso degli strumenti antichi per far convivere i metodi del passato con quelli moderni.

Ancora oggi noi usiamo questi strumenti nel nostro laboratorio per salvaguardare le tecniche tradizionali.

Abbiamo scritto questo articolo per offrirvi delle nozioni generali, senza valore contrattuale, sull’affascinante mondo del marmo. Per domande o curiosità potete compilare il modulo qui sotto; ogni commento sarà uno stimolo per confrontarci e continuare la ricerca per nuovi approfondimenti.

Nessun commento

Inserisci un commento
Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *