Bianco di Carrara: un marmo naturale italiano conosciuto in tutto il mondo | Arte2000
24044
post-template-default,single,single-post,postid-24044,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive
arte2000_marmo-bianco-carrara-tavolo

Bianco di Carrara: un marmo naturale italiano conosciuto in tutto il mondo

Il Bianco di Carrara è considerato, sia in Italia che all’estero, il marmo italiano per antonomasia. Questa pietra viene cavata dalle Alpi Apuane a Carrara, dove sono presenti le cave di tradizione millenaria più conosciute al mondo. Il bianco di Carrara in base alle caratteristiche di colore, al livello di purezza del bianco e alla tipologia delle intrusioni e delle venature viene classificato in categorie commerciali differenti.

Ancor oggi, come in epoca romana, viene impiegato per la realizzazione di:

  • raffinati elementi portanti in edilizia: architravi, capitelli, colonne, pilastri, basamenti
  • prestigiosi componenti architettonici: rivestimenti, cornici, lesene, pavimentazioni
  • esclusivi elementi ornamentali: portali, fontane, altari, stele, lapidi funerarie
  • eleganti manufatti decorativi e statue

Le origini del marmo bianco italiano

Le prime notizie relative a questo marmo risalgono al I secolo a.C. durante l’Impero Romano, anche se alcuni frammenti di marmo bianco sono stati ritrovati nelle necropoli e nei cimiteri risalenti addirittura al IV secolo a.C. Nell’antichità i Romani chiamavano questo litotipo, ovvero questa categoria di rocce, marmor lunensis che significa “marmo di Luni”. Luni fu un importante ed antico centro di estrazione e di imbarco sul mar Ligure, nel comune di Ortonovo al confine tra Liguria e Toscana. I Romani facevano partire da questa cittadina navi cariche di blocchi di marmo bianco, destinati a giungere a Roma, per le costruzioni pubbliche, le nobili dimore e le sculture monumentali. In seguito il centro di estrazione divenne Carrara, da cui prese appunto il nome di marmo Bianco di Carrara.

Area cave

Toscana, in particolare nelle Alpi Apuane a Carrara

Reperibilità

Facilmente reperibile

Colore

La tonalità di fondo è il bianco perlato, leggermente nuvolato. Ha intrusioni e punti grigiastri più o meno presenti ed evidenti, venature variegate grigiastre, millimetriche o centimetriche. Il bianco di Carrara è un marmo cristallino, a grana variabile da fine a media, omogeneo e compatto. È caratterizzato da una percentuale molto elevata di carbonato di calcio: cristalli bianchi di calcite. La calcite ha un basso indice di rifrazione: permette alla luce di penetrare nella pietra e di conferirle una speciale lucentezza, prima di essere riflessa. Questa caratteristica rende il marmo bianco prezioso e ricercato: è un materiale elegante che dona luminosità agli ambienti.

Utilizzo

È indicato per pavimenti, scale, rivestimenti, caminetti, sculture, fontane, monumenti, funeraria, opere ornamentali e oggettistica. È preferibile la collocazione in ambienti interni; per gli ambienti esterni è opportuno valutare le condizioni specifiche. Rientra nella categoria delle pietre lucidabili. È adatto ad ogni tipologia di finitura; risulta molto particolare l’effetto ottenuto con l’anticatura a mano.

Foto materiale

arte2000_marmo-bianco-carrara

Opere da noi realizzate

arte2000_marmo-bianco-carrara-tavolo_01

Tavolo – scolpito da Arte 2000

arte2000_marmo-bianco-carrara_01

Particolare caminetto – scolpito da Arte 2000

arte2000_marmo-bianco-carrara_02

Fontana – scolpita da Arte 2000

arte2000_marmo-bianco-carrara_03

Fontana – scolpita da Arte 2000

arte2000_marmo-bianco-carrara_04

Fontana – scolpita da Arte 2000

arte2000_marmo-bianco-carrara-anticato

Fontana con finitura anticata a mano- scolpita da Arte 2000

arte2000_marmo-bianco-carrara-anticato_02

Scultura Nike anticata – scolpita da Arte 2000

arte2000_marmo-bianco-carrara-anticato_03

Scultura anticata – scolpita da Arte 2000

Le informazioni contenute in questo articolo sono rese a titolo puramente indicativo ed informativo. Ricordiamo che molti marmi vengono menzionati con il nome commerciale più conosciuto, spesso differente da quello reale.

Per qualsiasi domanda o curiosità su questo argomento inserisci un commento nel form sottostante, cercheremo di rispondere e soddisfare al meglio la tua richiesta.

Nessun commento

Inserisci un commento
Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *