La bellezza cromatica del marmo Verde Alpi | Arte2000
23746
post-template-default,single,single-post,postid-23746,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive
arte2000italy-cave-marmo-verde-valledaosta

La bellezza cromatica del marmo Verde Alpi

Un nome generico ed anonimo per un marmo pregiato, elegante e ben riconoscibile tra la vasta gamma delle pietre verdi.

 

Nomi alternativi:
Verde Aosta

Area cave:
Valle d’Aosta, nelle Alpi occidentali

Reperibilità:
Reperibile

Colore:
Ha una tonalità di fondo verde scuro che a prima vista può sembrare uniforme, ma in realtà ha un’infinità di sfumature chiare e scure e venature bianche e giallastre che lo caratterizzano e lo contraddistinguono.

Peso per unità di volume:
2.680 kg/mc

Utilizzo:
È indicato per manufatti destinati ad ambienti sia interni che esterni, per pavimenti e rivestimenti. È un materiale resistente, non teme il freddo anche se nelle zone umide e piovose, con temperature gelide che scendono parecchi gradi sotto lo zero, può danneggiarsi. L’acqua penetrando pian piano nelle piccole fessure, ghiacciando e dilatandosi, può creare delle spaccature.

Foto materiale:

arte2000italy-marmo-verde-alpi-01

 

Foto opere da noi realizzate:

arte2000italy-marmo-verde-alpi

Pietre Verdi

Le pietre verdi rappresentano brandelli di crosta oceanica emersi a seguito della collisione tra Africa ed Europa causata dai movimenti delle placche tettoniche.
Sono rocce magmatiche serpentinose a struttura brecciata che hanno subito processi di metamorfismo  ovvero solidificazione dei magmi e ricementazione dei clasti di serpentino con deposizione chimica di calcite bianca da acque circolanti ricche in bicarbonato di calcio. Si distinguono in basiche (con un contenuto di silice tra 45% e 52%) ed ultrabasiche come serpentini, oficalci, eclogiti (con un contenuto di silice inferiore al 45%).
Costituiscono un particolare esempio di oficalci i Verdi della Valle d’Aosta dal caratteristico color verde scuro con venature biancastre, tra cui Verde Aver, Verde Issorie, Verde Saint Denis e Verde Issogne.
La perfetta lucidatura, che si può raggiungere grazie alla loro elevata durezza, esalta il contrasto cromatico tra il verde del serpentino ed il bianco della calcite in modo da renderle un materiale ricercato per la singolare bellezza altamente decorativa.

Sono considerate rocce ornamentali di pregio per rivestimenti di grande impatto visivo.

 

Per qualsiasi domanda o curiosità su questo argomento inserisci un commento nel form sottostante, cercheremo di rispondere e soddisfare al meglio la tua richiesta.

Nei prossimi articoli parleremo del Porfido che è un materiale consigliato per ambienti esterni montani in quanto resiste a neve, pioggia e ghiaccio.

 

Appunto finale

Le informazioni contenute in questo articolo sono rese a titolo puramente indicativo ed informativo. Ricordiamo che molti marmi vengono menzionati con il nome commerciale più conosciuto, spesso differente da quello reale.

Sitografia:
Rocce ornamentali italiane – Catalogo del museo di arte e giacimenti minerari. La Sapienza – Università degli studi di Roma

Nessun commento

Inserisci un commento
Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *