Caminetti monumentali autoportanti in marmo Var Beige
21731
post-template-default,single,single-post,postid-21731,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive
arte2000-caminetti-artistici-marmo-monumentali

Coppia di caminetti monumentali e maestosi in marmo var beige scolpiti a mano

Progettazione e lavorazione su misura di due caminetti, sospesi e uguali, in stile Primo Impero francese, da installare sulle pareti contrapposte di un elegante salone. Il cliente desiderava una riproduzione rivisitata e personalizzata di un’antica opera esposta al museo Louvre a Parigi. Le due statue laterali, ad esempio, sono state sostituite con aquile e bassorilievi a tema.

arte2000-caminetti-artistici-marmo-monumentali

Marmo: Var Beige
Misure di un caminetto: altezza 655 cm, larghezza 325 cm
Committente: Privato
Località: Atlanta, Georgia – U.S.A.

Fasi salienti della realizzazione dell’opera

Progettazione

Abbiamo realizzato questo lavoro nell’anno 2000 quando la tecnologia ed internet non erano all’avanguardia. La raccolta di informazioni e di materiale fotografico cui ispirarsi per le sculture e le decorazioni è stata difficoltosa. Le poche foto a disposizione erano a bassa risoluzione e non permettevano di distinguere i particolari. Abbiamo curato l’intero progetto dei caminetti e disegnato tutti gli ornamenti per adattarli con le giuste proporzioni alle misure reali dell’opera da scolpire. Il disegno artistico completo e definitivo, fatto a mano in scala 1:1, è stato spedito al cliente per essere posizionato sulla parete e valutare l’effetto finale.
I due caminetti, senza basamento, dovevano essere sospesi e sfiorare il pavimento per sembrare poggiati a terra, ma senza gravare su quest’ultimo. Abbiamo progettato l’ancoraggio al muro portante.

arte2000-caminetti-artistici-marmo-monumentali

Approfondimenti: progettazione

Lavorazione

La programmazione delle fasi di lavoro di quest’opera artistica monumentale è stata complessa. L’organizzazione di tanti mesi di lavoro, legati soprattutto al fattore umano, è stata una grande sfida.

arte2000-caminetti-artistici-marmo-monumentali

arte2000-caminetti-artistici-marmo-monumentali

arte2000-caminetti-artistici-marmo-monumentali

Entrambi i caminetti sono stati scolpiti e levigati con strumenti e utensili manuali.

arte2000-caminetti-artistici-marmo-monumentali

arte2000-caminetti-artistici-marmo-monumentali

arte2000-caminetti-artistici-marmo-monumentali

Prima di scolpire, abbiamo eseguito i modelli in argilla e disegnato le decorazioni sui diversi elementi in marmo. Per alleggerire i manufatti, abbiamo scavato il retro dei piedritti e inserito le putrelle in acciaio per l’ancoraggio al muro.

Approfondimenti: lavorazione artigianale

Finitura

arte2000-caminetti-artistici-marmo-monumentali

La finitura della superficie è stata eseguita a mano su ogni singolo pezzo con tecniche manuali e utensili abrasivi antichi.

arte2000-caminetti-artistici-marmo-monumentali

Approfondimenti: finiture

Assemblaggio

Considerate le grandi dimensioni, i caminetti dovevano essere spediti smontati, da assemblare in opera. I bassorilievi sono stati scolpiti su differenti lastre di marmo. Abbiamo studiato la soluzione migliore per assemblare i pannelli e rendere invisibili i punti di unione.

Approfondimenti: montaggio e posa

La coppia di caminetti in cifre:

  • 2 mesi di progettazione artistica e tecnica
  • 7 mesi di lavoro
  • 50 mq totali di disegno
  • 25 tonnellate di marmo grezzo
  • 14 tonnellate peso finale
  • 1.450 ore di disegno
  • 1.200 ore di lavorazione con i macchinari
  • 2.800 ore di lavorazione manuale
  • 1.200 ml carta abrasiva consumata
  • 576 utensili consumati
  • 3,3 tonnellate di legno per l’imballaggio
  • 16 persone coinvolte nella progettazione e lavorazione

arte2000-caminetti-artistici-marmo-monumentali

Pillole di storia

Louvre è il nome del palazzo che il re di Francia Filippo II fece costruire a Parigi come fortezza difensiva, alla fine del XII secolo. Dopo varie ristrutturazioni e ampliamenti divenne sede governativa e prestigiosa residenza dei re e degli imperatori della Francia. Durante il governo rivoluzionario, gli architetti Charles Percier e Pierre Fontain lo restaurarono e lo trasformarono in un museo, inaugurato nel 1793, per la conservazione e la presentazione di migliaia di opere d’arte.
Il caminetto al quale ci siamo ispirati è installato nella famosa “sala delle Cariatidi”, nome dovuto alle quattro statue femminili con cui lo scultore rinascimentale Jean Goujon aveva adornato nel 1550 la precedente “sala dei Fiumi”. Fu costruito nell’età del Rinascimento e sottoposto a vari interventi di restauro: vennero applicati alcuni simboli di glorificazione come il busto di Napoleone con il monogramma “N” al centro dello stemma. Ai lati furono aggiunte due statue di Goujon, restaurate poi dal mosaicista romano Francesco Belloni mentre lavorava a Parigi. Il busto venne modificato dal re Luigi XVIII per raffigurare Giove ed eliminato definitivamente dai successivi sovrani.