Colonne portanti in marmo Rouge Griotte e foglia oro
22809
post-template-default,single,single-post,postid-22809,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-4.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.2,vc_responsive
arte2000-colonne_portanti_rouge_griotte

Imponenti colonne portanti in marmo Rouge Griotte

Progettazione e realizzazione di 12 colonne uguali con doratura a foglia oro su capitelli e basi. I manufatti da installare al piano terra, in un salone di ingresso a emiciclo senza soffitto, dovevano essere visibili dal ballatoio del primo piano.

arte2000-colonne_portanti_rouge_griotte

Marmo: Rouge Griotte lucido
Misure: altezza 350 cm, diametro 40 cm
Committente: privato
Località: Atlanta, Georgia – U.S.A.

Fasi salienti della realizzazione dell’opera

Selezione del marmo

Attualmente il Rouge Griotte è molto variegato, fragile e si sfalda facilmente. Ha fori interni di varie dimensioni, fessure ramificate, differenti durezze e venature. È difficile reperire blocchi con dimensioni oltre i 250 cm, risultava impossibile fare le colonne in pezzo unico. Per fare un lavoro coordinato, abbiamo selezionato blocchi con colorazione e venature simili tra loro. Per evitare l’antiestetica giuntura a metà altezza, abbiamo realizzato le colonne in 2 parti: una alta 250 cm e l’altra alta 100 cm.

arte2000-colonne_portanti_rouge_griotte

Approfondimenti: scelta del marmo

Progettazione tecnica

A causa dell’elevata fragilità, il marmo non era ritenuto idoneo per realizzare colonne portanti. Abbiamo progettato l’inserimento di una struttura di rinforzo, non visibile esternamente, per rendere i manufatti resistenti alla compressione ed alla flessione.

Approfondimenti: progettazione tecnica e artistica

Lavorazione

I fusti dovevano essere rastremati, ovvero con riduzione progressiva del diametro dal basso verso l’alto. Per rendere meno visibile il punto d’unione delle due parti di colonna ed avere la continuità delle venature, abbiamo fatto dei tagli inclinati calcolando lo scostamento dovuto alla variazione di diametro.

In ogni elemento, abbiamo fatto tre fori paralleli ed equidistanti per inserire delle barre d’acciaio passanti in pezzo unico. Utilizzando un prodotto semidenso per l’incollaggio, con lunghi tempi di indurimento, abbiamo potuto eseguire con cura e precisione le corrette operazioni di assemblaggio.

Approfondimenti: lavorazione artigianale

Finitura

La lucidatura doveva risultare uniforme anche se il marmo aveva consistenza, buchi, fessure e durezze diverse. Abbiamo tappato tutti i fori naturali con inserti omogenei di materiale e lucidato a mano con vari utensili antichi abrasivi.

Approfondimenti: finiture

arte2000-colonne_portanti_rouge_griotte

Pillole di storia

Il Rouge Griotte è un marmo molto pregiato di origine francese. Il nome è dovuto al suo colore rosso scuro tipico della ciliegia aspra, chiamata Griotte in francese. Per proteggere e tutelare la bellezza e l’esclusività di questo materiale, alla fine del 1600, Luigi XIV decretò le relative cave come “reali” e vietò agli altri l’accesso e l’utilizzo.